Secursat

25 SETTEMBRE ORE 12:30

Controllo Sociale, intelligenza artificiale e tecnologia di monitoraggio

G.Calabrese , CEO Secursat 

L’evoluzione digitale ha preso il sopravvento talvolta annullando la nostra capacità di riflettere e decidere, la sua velocità non ci ha consentito di comprenderne appieno gli impatti economici e sociali. Abbiamo aderito ad un futuro digitale tratti in inganno da un “Social” in grado di aiutarci a vivere una vita di comunità, più informata, efficiente nel rispetto della privacy e del diritto esclusivo sulla conoscenza dei nostri dati e del loro personale uso. Abbiamo preso consapevolezza e quindi accettato passivamente che non è così e che i nostri dati sono gestiti da altri che gestiscono anche la nostra esperienza che diventa prodotto predittivo scambiato in un mercato dei comportamenti futuri, talvolta paghiamo per farci controllare, noi siamo il prodotto.

Quali sono le conseguenze? Quali i rischi ulteriori? Qual è la differenza tra protezione e controllo sociale e come l’AI potrebbe aiutarci a vivere più sicuri migliorando prodotti e servizi e rendendo abitabile il mondo digitale?

Secursat

Secursat progetta modelli di sicurezza su misura in base alle caratteristiche del cliente, integrati nei processi operativi, focalizzando gli investimenti e rispondendo al meglio ai cambiamenti tecnologici, socio-economici e geo-politici del contesto di riferimento. 

Il futuro della security tra tecnologia e uomo: Una costante riflessione sull’evoluzione dello scenario che si trasforma grazie alla tecnologia, ed allo stesso tempo una continua ricerca di sviluppo di competenze e professionalità umane. 

NON SERVONO MILLE TELECAMERE, MA UNA INTELLIGENTE

Un concetto moderno di video controllo: gli algoritmi di video analisi  possono trasformare una telecamera, di nuova generazione o anche in buono stato conservativo, in sensore, con l’obiettivo di razionalizzare l’uso ed il numero dei dispositivi di security ed al contempo realizzare un monitoraggio in real-time efficace e predittivo. 

Share on linkedin
LinkedIn